Nataša Gregorič Nabhas Cercami nel fruscio dell’Erba

1.280,00

PREZZO IVA COMPRESA E SPESE DI SPEDIZIONE GRATUITE

COD. NGSR003

Titolo: Cercami nel fruscio dell’Erba

Anno: 2019

Dimensioni: cm. 30x30x3,9

Tecnica: mista e del puntinismo – Gesso con inchiostri ad alcool su tavoletta di legno – Tavoletta in legno compensato, superficie liscia e preparata con gessobianco su un telaio in legno massiccio. Tecnica mista con inchiostri ad alcool e UV LIQUITEX protezione (3 strati).

Descrizione: Intero ciclo delle opere dedicate alla natura porta il titolo NABHAS col filo rosso che sarebbe l’Impressionismo/Divisionismo – Sotto impressione dell’Impressionismo – tecnica del puntinismo. NABHAS (che in Sanscrito significa paradiso, inoltre in sloveno la pronuncia e il significato e’ lo stesso NEBESA, heaven.) Ho svilupato una mia tecnica scegliendo l’inchiostro alcolico anche per le sue particolarita’: perche evapora, difficilmente si manipola, colori si mescolano differente del inchiostro o china normale, tranne con le gocce se impari a comunicare col medium stesso (reazione del inchiostro alcolico con la superficie). Accettando la reazione spontanea del medium, rispondendo con le mie emozioni ed impressioni, l’opera d’arte diventa una comunicazione interpersonale. Infine un impressione che ti riporta nel tempo del impressionismo. Preparato la tavola di gesso con vari medium aggiunti al inchistro d’alcool, come diluenti, colori acrilici, gesso. Infine la UV Liquitex protezione, due, tre passagi.

Cercami nel fruscio dell’Erba è il titolo di questa opera che rapresenta la poesia della poetessa slovena Mila Kačič ( 2012 – 2000) tradotta da Jolka Milič.
CERCAMI
Nei giorni di solitudine
cercami tra le cose
che si possono dare per amore.
Nel volo primaverile degli uccelli,
nelle nubi e nel tramonto
sanguigno,
mentre si fonde con il sole.
Nei falò estivi,
tremolanti,
quando li inghiotte
il buio del cielo.
Nella furia dei venti,
intrecciati tra loro
e nei rami degli alberi,
mani che abbracciano.
In tutto mi trovi.
Quando t’immergi nell’acqua,
cercami nell’onda
e m’insinuerò tra le tue gambe.
La conchiglia
che si è attaccata allo scoglio
e non lo lascia più
sono io.
Cercami nel fruscio delle erbe
che il vento piega
e gli si abbandonano estatiche,
mi trovi nelle radici
che invadono il cuore della terra.
In tutte le cose
che si possono dare per amore
e per amore prendono,
cercami.
Dovunque sono io,
è il mio amore.